Una voce calda ed elegante arriva dritta all’anima. È la voce di Hugo Labattut, cantante dei Blouzouki, gruppo multietnico che da Istanbul gira l’Europa per diffondere una musica raffinata a base di blues, country e swing. Pezzi inediti portati sulle scene della strada dai cinque musicisti a ritmo di banjo, armonica, dobro, megafono, basso e batteria, si alternano a cover inglesi arrangiate con lo stile particolare della band.
“Blouzouki ha un approccio gentile, sono come un Lou Reed francese o talvolta ricordano Leonard Cohen”, ha scritto un critico musicale degli artisti. Diversi gli album all’attivo per il gruppo, sempre molto apprezzato tra le piazze e le strade europee. L’ultimo disco si intitola Hobos ed è stato pubblicato nel 2017. Quando i Blouzouki cominciano a suonare è un continuo crescendo, che fa battere le mani e muovere piedi e gambe, fino a ballare lasciandosi trasportare dai ritmi blues.