Il direttore artistico e tamburo maggiore, Balla Nar Ndyae Rose, è un noto percussionista: ha appreso l'arte della musica e del Sabar dal padre Doudou N'Diaye Rose.
Attualmente con sede a Milano, African Griot è una compagnia composta da 16 elementi tutti provenienti da Dakar. African Griot è contaminazione: al suo interno spesso ospiti speciali per creare nuove e sperimentali esecuzioni.
Il nome si riferisce alle loro origini e al profondo significato di questa appartenenza espressa nell'arte. Il griot è un poeta e cantore che svolge il ruolo di conservare la tradizione orale degli antenati e aveva anche il ruolo di interprete ed ambasciatore. Il griot era il portavoce del re presso il popolo, e spesso fungeva da intermediario nelle relazioni diplomatiche del re con ambasciatori di altri regni.
Come gruppo partecipano a diversi spettacoli a Milano ed in tutta Italia:
la notte delle percussioni al Teatro Piccolo di Milano, al Suq di Genova, Milano Danza Expo, Spiagge Soul a Marina di Ravenna, Milano City Marathon e vengono chiamati per eventi pubblici, nelle piazze e nei maggiori teatri nazionali come festa del primo maggio, carnevale di Arcore, la fiera del Design, la festa dei popoli, e privati (feste senegalesi, serate in discoteca, feste di compleanni e matrimoni).
Hanno ottenuto diversi riconoscimenti come il primo posto al Concorso per Musicisti Africani in Italia all'Auditorium Flog di Firenze.
Sono inoltre attivi nelle manifestazioni di beneficenza a favore dei diritti dei bambini, degli immigrati e delle donne in difficoltà.
Collaborano e sono supportati da anni dall'associazione Sunugal di Milano ed Akorà di Lissone.
Inoltre da settembre a giugno sono impegnati in corsi di percussioni per adulti e bambini e come accompagnatori musicali in corsi di danza a Milano, Lecco, Monza, Osnago.